polpettone di tonno

Gli Omega-3 del pesce: una botta di vita per la salute e la bellezza del nostro corpo.

Se vuoi una pelle elastica, idratata, una cute priva di forfora e dei capelli luminosi oltre ad unghie forti e sane, ho io il prodotto che può fare al caso tuo.

No, non ho cambiato lavoro e questa non è una televendita, te lo giuro!

Non sto parlando di qualche maschera miracolosa, di quelle che vendono su Instagram, ma degli Omega-3, ovvero gli acidi grassi essenziali contenuti soprattutto nel pesce, ma anche in molti prodotti di origine vegetale.

Vuoi sapere come possono aiutarti nella tua beauty routine quotidiana?

Semplice: mettili nel piatto!

via GIPHY

Chi sono e da dove vengono i nostri amici Omega-3

La bellezza, interiore ed esteriore, inizia dal piatto.

Ebbene sì, per essere belli e in salute bisogna mangiar bene e sano.

Non è una frase fatta, ma pura verità, e gli Omega-3, soprattutto EPA e DHA contenuti nel pesce, sono tra gli elementi da non far mai mancare nella nostra alimentazione abituale.

Gli Omega-3 sono acidi grassi essenziali a lunga catena… ma che cosa significa questa parolona? A noi interessa solamente sapere che vengono considerati essenziali perché il nostro corpo non è in grado di produrli autonomamente, ed è per questo che è utile introdurli con il cibo.

Come già detto, gli Omega-3 EPA e DHA sono contenuti prevalentemente nei pesci e nel loro fegato, nelle alghe e nel krill.

Per quanto riguarda gli Omega-3 ALA li possiamo invece assumere tramite cibi di origine vegetale, come semi di chia, di lino, di canapa, nelle noci e in molti altri prodotti.

Oltre ad essere un toccasana per pelle, capelli e unghie, gli Omega-3 aiutano nella prevenzione di malattie cardiovascolari, contrastano l’invecchiamento e danno una sferzata di energia alle nostre funzioni cognitive.

Ti pare poco?

via GIPHY

 

Come assumere gli Omega-3 all’interno di un’alimentazione equilibrata

Il pesce, che si differenzia in magro (come platessa e sogliola), semigrasso (come pesce spada e tonno) e grasso (come salmone e anguilla), dovrebbe essere mangiato almeno tre volte alla settimana, cercando di spaziare tra le tre tipologie. Infatti il pesce grasso è il più ricco di Omega-3, ma quello meno adatto in caso di alimentazione ipocalorica o problemi di colesterolo alto.

Crostacei e molluschi, pur offrendo una buona quantità di Omega-3, devono essere consumati con più parsimonia, perché ricchi di colesterolo: sostituiscili, magari, ad una porzione di carne o affettati.

Per fare in modo che gli Omega-3 arrivino ancora arzilli nel tuo corpo e possano svolgere la loro missione, è indispensabile conservare e cucinare in modo corretto il pesce.

Gli Omega-3, infatti, sono molto sensibili all’ossigeno, al calore, alla luce ed è meglio prediligere cotture al vapore, al forno, alla griglia o al cartoccio, evitando le alte temperature della frittura.

Conserva sempre il pesce in congelatore, oppure in frigo, ma solo per un brevissimo lasso di tempo per evitarne il veloce deperimento.

L’inquinamento del mare, purtroppo, influisce anche sulla sua fauna e, per evitare un eccesso di mercurio e diossine, è meglio prediligere i pesci di piccole dimensioni che ne contengono meno, e consumare quelli più grossi in maniera saltuaria.

Nel caso tu non sia un amante del pesce, puoi assumere gli Omega-3 di origine vegetale tramite i semi di lino o di canapa per esempio, oppure puoi valutare l’assunzione di integratori alimentari.

Ma, come sempre sottolineo, è meglio farsi consigliare da un dietista che, analizzando il tuo modo di alimentarti, concorderà con te i miglioramenti necessari al tuo schema alimentare perché sia sano, completo e su misura per te.

Ti lascio con una ricetta ricca di Omega-3 che abbiamo proposto io e @polpettasuperstar un po’ di tempo fa… non te la sarai mica persa?

L’appuntamento con gli spunti(ni) per i tuoi pasti è ogni lunedì e venerdì! Seguici!

polpettone di tonno

Polpettone di tonno con pangrattato (omissibile) e patate prezzemolate.
(Senza uova, senza latte e volendo anche senza glutine!)

Di facilissima preparazione, questa pietanza può essere rivisitata in base alle vostre esigenze, alle verdure e alle proteine che avete a disposizione in casa, stando davvero a poche accortezze, considerando che vi basterà semplicemente assemblare tutti gli ingredienti (cotti o crudi), creare un polpettone, riporlo in frigo ricoperto da pellicola per almeno 4 ore e gustarlo successivamente insieme ad un’insalata o ad una verdura cotta.

Ideale anche come antipasto, vi fornirà tutti i nutrienti di cui avete bisogno per la vostra alimentazione bilanciata e per il vostro benessere, senza rinunciare al gusto!

Ora non mi resta che augurarti buon appetito!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.