Chi Sono

Laureato in Dietistica con pieni voti assoluti il 22 Novembre 2017 e specializzato nel Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell’Alimentazione il 26 Giugno 2019, presso l’Università degli Studi di Firenze. 

Attratto fin da piccolo dal corpo umano e dal suo funzionamento, decido di intraprendere questo percorso di studi quando nel 2009 inizio a frequentare una palestra e mi accorgo che il tema ricorrente dei clienti era l’alimentazione, sebbene ognuno avesse obiettivi differenti.
Decido così di capirci di più e scelgo il percorso di Laurea in Dietistica poichè il più completo e abilitante a trattare sia stati fisiologici che patologici.
 

Sono appassionato di sport e attività fisica, per un connubio perfetto con una sana alimentazione.

Fotografo amatoriale, non esco mai di casa senza la mia macchina fotografica per immortalare ogni momento e renderlo eterno.

COME SI DIVENTA DIETISTA

Per diventare Dietista bisogna conseguire la laurea di 1° livello in Dietistica.
I corsi di laurea sono a numero chiuso.
L’ accesso è possibile dopo il diploma di Scuola Media Secondaria Superiore superiore o titolo estero equipollente.
L’accesso è a numero programmato su base nazionale ed è previsto il superamento di un test di ingresso con domande a risposta multipla su argomenti di Chimica, Fisica, Biologia, Matematica, Logica e Cultura generale.
Il Corso è di tipo teorico – pratico, ha una durata di tre anni e prevede l’obbligo della frequenza.
L’ esame finale ha valore di esame di Stato Abilitante all’esercizio della professione.
Per maggiori informazioni vedi : www.miur.it

 IL DIETISTA

Secondo le normative vigenti (profilo professionale D.M. 744 del 1994) il dietista è l’operatore sanitario competente per tutte le attività finalizzate alla corretta applicazione dell’alimentazione e della nutrizione, ivi compresi gli aspetti educativi e di collaborazione all’attuazione delle politiche alimentari nel rispetto della normativa vigente.

Il dietista, oggi, in Italia è una figura professionale conforme alle direttive della CEE e alla definizione dell’EFAD grazie all’impegno dell’ANDID con le Istituzioni italiane e gli Organismi rappresentativi della professione a livello Europeo ed Extraeuropeo.